Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Pensare il tempo / il tempo per pensare

Categoria Evento:

15 Giugno 2018 - ore 18:30

Chi ci sta rubando il tempo? L’epoca dell’immediatezza alla prova del senso

Cari amici della Fondazione Eranos, siamo lieti di invitarvi al quarto appuntamento del ciclo Eranos-Jung Lectures del 2018, dedicato quest’anno al tema “Chi ci sta rubando il tempo? L’epoca dell’immediatezza alla prova del senso“.
Il ciclo di conferenze intende lavorare attorno al concetto di “tempo”, per interrogarsi sulla sua relazione con il pensiero, lo spirito, l’anima, la mente. Quando, come sembra accadere oggi, il tempo viene meno – presi come siamo all’interno di una accelerazione che istituisce l’immediatezza come ordine stesso del mondo –, occorre chiedersi quale sarà il destino del pensiero, dello spirito, dell’anima, della mente – sempre che oggi a queste nozioni, soprattutto alle prime tre, si voglia o si possa assegnare ancora un significato. Il cosiddetto “tempo reale”, il tempo che annulla se stesso, permette di avere cura di un pensiero all’altezza delle nostre attuali inquietudini, della nostra ricerca del senso, della nostra condizione attuale, così minacciata su più fronti?
Relatore della serata, con un intervento sul tema “Pensare il tempo / il tempo per pensare”, sarà il Professor Massimo Mori.
Il pensiero razionale è stato spesso inteso come razionalità operativa funzionale a uno scopo. Pertanto, esso è stato talvolta assimilato alla “ragione strumentale” e contrapposto al pensiero critico e riflessivo. Qui si sostiene, invece, che il pensiero razionale non possa essere separato dalla sua funzione di riflessione sulle questioni di senso e sulle applicazioni normative che ne conseguono. Ma questo implica una riflessione sulla “categoria” del tempo, la quale deve essere riscattata dalla sua dimensione pratico-operativa e riconosciuta come condizione del pensiero riflessivo. In due modi: da un lato, come condizione interna della possibilità di pensare e, dall’altro, come condizione esterna che restituisce all’uomo la dimensione oggettiva della libertà personale. Questi temi vengono analizzati non in astratto, ma in costante riferimento ai classici della filosofia: da Max Weber alla Scuola di Francoforte, da Kant a Bergson, da Adam Smith a Marx.


Massimo Mori (1948) è Professore emerito all’Università di Torino. Presso l’Ateneo torinese, è stato Direttore del Dipartimento di Filosofia e Coordinatore del Dottorato in Filosofia e Ermeneutica filosofica. Ha elaborato una metodologia storiografica che fa riferimento alla storia delle idee in cui, accanto al riconoscimento della contestualizzazione storica, si accentua l’elemento della dimensione categoriale e della formazione delle tradizioni filosofiche. Questo metodo è stato applicato sia a singoli temi, come quello del conflitto (La ragione delle armi. Guerra e conflitto nella cultura classica tedesca, 1984), della libertà (Libertà, necessità, determinismo, 2001; Libero arbitrio. Storia di un’idea controversa, 2014) o della felicità (contributi diversi), sia a singoli autori (La pace e la ragione. Kant e le relazioni internazionali, 2008). Nella prospettiva della storia delle idee, si è occupato a lungo di Storia della filosofia, come autore o curatore di numerosi manuali. Dirige la “Rivista di Filosofia” ed è Direttore della Classe di Scienze Morali dell’Accademia delle Scienze di Torino.


L’ingresso è gratuito.
Venerdì 15 giugno 2018, ore 18:30, presso l’Auditorium del Centro congressuale del Monte Verità (Ascona).
È gradita l’iscrizione, via e-mail, all’indirizzo info@eranosfoundation.org, o telefonicamente, al numero +41 (0)91 792 20 92.
Alla fine della conferenza sarà offerto un aperitivo.

Scarica Allegati

 

Luogo

Auditorium del Centro congressuale del Monte Verità
Str. Collina, 84
Ascona, 6612 Svizzera
+ Google Maps

Dettagli

Data:
15 Giugno 2018
Ora:
18:30
Categoria Evento:

Organizzatore

Fondazione Eranos
Telefono:
+41 (0)91 792 20 92
Email:
info@eranosfoundation.org
Sito web:
http://www.eranosfoundation.org/